Nato a Savona nel 1938 Walter Morando, pittore, scultore e sceneggiatore, realizza lavori ispirati dagli oggetti del lavoro e della fatica dell’uomo e influenzati dal lavoro del porto della sua città.
Nel 1963 visita Albissola e si avvicina alla ceramica e nel 1970, nella cittadina ligure, allestisce la sua prima mostra.
Nel 1980 presenta le sue ceramiche alla Biennale di Vallauris, esperienza che ripete anche nelle quattro edizioni successive.
A metà degli anni Ottanta è invitato da Bepi Mazzotti e dal figlio Tullio a realizzare presso la loro manifattura, “Fabbrica Casa Museo G. Mazzotti 1903”, alcuni lavori dei quali uno entra a far parte della collezione dei Mazzotti e nel 1990 viene collocato nel Giardino del Museo di famiglia.
E’ attivo fra Savona e Milano.